• Entries

Introduzione

ReCaS è un progetto PON Ricerca e Competitività 2007-2013, Avviso 254/Ric. che si sviluppa all'interno delle seguenti circostanze favorevoli (scarica VIDEO):

  1. capitalizzare i risultati della programmazione PON 2000-2006

  2. assecondare la sempre crescente necessità, da parte di numerosi settori della ricerca scientifica,  di disporre di grandi risorse di calcolo e storage in contesti di calcolo distribuito.

Il progetto si compone di due parti: una di potenziamento infrastrutturale e l'altra di formazione di seguito descritte.

 

Per maggiori informazioni clicca qui

 

Seguici su Twitter e Facebook per aggiornamenti in tempo reale 

 

                 

 

 

Potenziamento infrastrutturale

La parte "potenziamento infrastrutturale" del progetto consiste nella realizzazione di un'infrastruttura di calcolo distribuita nelle quattro regioni convergenza: Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Tale infrastruttura sarà realizzata in ottica Grid e Cloud computing e si distinguerà per la potenza di calcolo e la capacità di memorizzazione di dati.
In fase di presentazione del progetto era prevista l'analisi dei dati provenienti dall'esperimento, SuperB, inizialmente approvato come progetto bandiera nazionale dell'INFN, che è stato cancellato nel dicembre 2012 a causa della indisponibilità finanziaria conseguente alla crisi economica del Paese.

Il bacino di utenza scientifico principale dell'infrastruttura resta in ogni caso la comunità degli esperimenti al Large Hadron Collider (LHC), come per altro già previsto per la fase di commissioning. Inoltre, fin dalla prima fase di progetto, la stessa infrastruttura sarà di supporto a comunità diverse in settori strategici della scienza: la Fisica, la Medicina, le Biotecnologie e l'Ambiente che sono già settori di ricerca ben avviati in tutte le strutture che prenderanno parte al progetto (INFN ed Atenei).

L'infrastruttura distribuita estenderà le potenzialità di quella nata nel contesto del network GRISÙ (GRIglia del SUd), delle quattro grandi infrastrutture di supercalcolo, realizzate nell'ambito del PON 2000-2006 Avviso 1575/2004 tramite i progetti cofinanziati dal MIUR: CRESCO (ENEA), CYBERSAR (Consorzio COSMOLAB), PI2S2 (Consorzio COMETA) e SCOPE (Università di Napoli Federico II) con l'infrastruttura del Consorzio SPACI (PON 2000-2006 Avviso 68/2002), realizzata tramite il progetto omonimo (SPACI). Ad essa si aggiunge il nuovo Data Center di Cosenza che sarà proporzionalmente dimensionato in funzione delle esigenze locali e nazionali. Sarà inoltre realizzata l'infrastruttura di rete ad alte prestazioni, necessaria per l'interoperabilità dei quattro centri, anche grazie alla collaborazione con il Consortium GARR.

Non va trascurato inoltre che l'Infrastruttura si inquadra pienamente anche nei progetti che prevedono la creazione di Distretti e Laboratori Pubblico Privati, che sono state alla base di iniziative di precedenti bandi PON.

L'Infrastruttura così realizzata costituisce la "costola del Sud" dell'infrastruttura nazionale Grid ferma restando l'applicazione principale legata agli esperimenti LHC, ma consentendo l'utilizzo anche alle altre strutture di ricerca pubbliche e private nazionali.
 

Formazione

Il progetto di formazione annesso al progetto di potenziamento strutturale prevede la formazione di  di circa 50 figure, su due profili differenti: 20-25 "esperti" nel campo dell'analisi dati, con particolare riferimento alle applicazioni e l'uso del calcolo ad alte prestazioni per esperimenti di Fisica (superB e altri); 18-20 esperti  "sviluppatori" di applicazioni e/o "gestori" dell'infrastruttura.
In particolare l'obiettivo è quello di qualificare personale tecnico-scientifico, manageriale e commerciale nel settore ICT,  con particolare riguardo ai Sistemi di Calcolo ad Alte Prestazioni. I formandi acquisiranno competenze specifiche nello sviluppo, nell'utilizzo e nella gestione di servizi ICT e piattaforme di calcolo ad alte prestazioni per il supporto alla Ricerca, alle Imprese ed alle Pubbliche Amministrazioni locali e centrali.
Il Progetto Formazione consiste in 2 Master Universitari, uno di primo livello Tecnologie per il Calcolo Scientifico ad Alte Prestazioni, organizzato e gestito dall'Università degli Studi di Napoli Federico II, un altro, di II livello, Sviluppo e gestione di Data Center per il Calcolo Scientifico ad Alte Prestazioni, organizzato e gestito dalla Università degli Studi di Bari Aldo Moro.
Dopo il conseguimento del master, ai "migliori" studenti è offerta l'opportunità di uno stage presso Laboratori, Centri di Ricerca, Data Center per il Calcolo ad Alte Prestazioni. 

Scuole estive (su "Cloud computing", su "Science gateways") a altre brevi scuole di approfondimento  completano il progetto di formazione.
 

Per maggiori informazioni clicca qui

 

 

Soggetti attuatori

 

PON Ricerca e Competitività - ASSE I

Potenziamento delle strutture e delle dotazioni scientifiche e tecnologiche - sviluppo dell'Azione I Rafforzamento strutturale
Avviso 254 del 15/05/2011

 

Codice Locale

Intervento

Cup

INFN- Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

PONa3_00052/1

PONa3_00052/F1

Potenziamento & Formazione

I51D11000030007

I51D11000040007

Università degli Studi di Bari

Aldo Moro

PONa3_00052/3

PONa3_00052/F3

Potenziamento & Formazione

H91D1100300007

H91D1100290007

Università degli Studi di Napoli Federico II

PONa3_00052/2

PONa3_00052/F2

Potenziamento & Formazione

E61D11000240007

E61D11000230007

 

Sito web: http://www.ponrec.it/

 

L'INFN partecipa con le seguenti quattro sedi operative nelle regioni della convergenza:

Sezione INFN di Napoli, Sezione INFN di Bari, Sezione INFN di Catania, Gruppo collegato di Cosenza.

 

Il Progetto è stato ammesso a finanziamento per un importo complessivo ritenuto ammissibile di Euro 13.700.000, a fronte di una richiesta iniziale pari ad Euro 44.500.000.


 

IL MODELLO GESTIONALE

Al fine di regolamentare la propria collaborazione ai fini della migliore realizzazione degli obiettivi previsti dal Progetto e dotarsi di appositi strumenti di coordinamento per dare sintesi unitaria alle realizzazioni che saranno attuate, nel rispetto degli obblighi assunti con il MIUR, con l'Atto d'obbligo sottoscritto, gli enti (INFN, UniNA e UniBA) hanno sottoscritto un Accordo di Collaborazione che disciplina i rapporti tra le Parti ai fini dell'attuazione del Progetto ReCaS (potenziamento) e del Progetto CASAP (formazione),

Nell'ambito dell'Accordo è istituito un Comitato di gestione del Progetto di Potenziamento ReCaS formato da 9 membri:

  • Il Responsabile del Progetto di Potenziamento, prof. Leonardo Merola, che lo presiede;
  • Quattro membri nominati dall'INFN in rappresentanza delle sue 4 sedi operative coinvolte (NA, BA, CT, CS), nelle persone di: Dr. Guglielmo De Nardo (NA), Dr.ssa Lucia Silvestris (BA), Dr. Giuseppe Andronico (CT), Prof. Enrico Tassi (CS);
  • Due membri nominati dal Rettore dell'Università di Napoli "Federico II",  dei quali uno è il Responsabile dei rapporti istruttori prof. Guido Russo e l'altro è il prof. Giuliano Laccetti;
  • Due membri nominati dal Rettore dell'Università di Bari "Aldo Moro", dei quali uno è il Responsabile del Progetto di Formazione prof. Roberto Bellotti e l'altro è il prof. Giorgio Maggi.

 

È altresì istituito un Consiglio Direttivo del Progetto di Formazione CASAP, formato da 7 membri:

Il Responsabile del Progetto di Formazione, prof. Roberto Bellotti (UNIBA), che lo presiede;

Dr. Giuseppe Andronico (INFN), prof. Roberto Barbera (INFN), dr.ssa Lucia Silvestris (INFN), prof. Enrico Tassi (INFN), prof. Guido Russo (UNINA), dr. Guglielmo De Nardo (UNINA).